giovedì 31 maggio 2007

Ricchi premi!!!


Il nuovo reality che fa scalpore è quello olandese in cui una malata terminale donerà un rene a chi sceglierà lei stessa tra 3 candidati. Cosa rimane alla malata terminale? niente: morirà come gli altri 2 che non avrà scelto. Una vera e proprio guerra tra poveri in cui l'unica persona che ci guadagna è la Tv che trasmette queste schifezze e che le giustifica dicendo che sono sensibilizzazioni alla donazione degli organi (si sa: la tv è gestita da filantropi pieni di strano amore, al giorno d'oggi: e che ci vuoi fare...). Vorrei proprio vederla una puntata: presenterà un'Alessia Marcuzzi olandese, tutta sorrisi e minigonne, oppure un Cecchi Paone fiammingo? E i concorrenti dovranno affrontare delle prove, anche? Per caso dovranno fare la prova di canto o la corsa nei sacchi e, chi perderà, avrà la vescica asportata?

Ci sarà da ridere, anche se i presentatori e i concorrenti vorranno rimanere in un'aura di seriosità, dato l'argomento che fingono di comprendere.
Ci sarà
da sbellicarsi dalle risa nel vedere come quei poveretti si dovranno ingraziare la malata terminale per poter, un giorno, smetterla con la dialisi.
Sarà
divertentissimo vedere come delle persone che hanno la forza di continuare ad andare avanti, nonostante tutti i loro problemi, riescano a decurtare la loro dignità con un ON AIR di troppo.
E sarebbe
anche uno spasso vedere le facce di quelli che, in lista d'attesa per un trapianto, hanno saputo di questo reality...

Vabbè però ora basta fare i moralisti: in fin dei conti... è un reality equo. Sì, perchè il premio è ricco, ti donano un rene. Ma in cambio gli fai asportare il tuo cervello... e senza
anestesia.

Ciao ^____^

mercoledì 30 maggio 2007

Dio avvicina, la religione separa, la Chiesa se la gode


Ratzinger parla coi genitori della piccola Madelein McCann, la bambina scomparsa in Portogallo qualche settimana fa.
Ratzinger ci parla.
Quello che in Texas è sulla lista degli indagati per pedofilia e che ha richiesto a Bush l'immunità in quanto "capo dello Stato Vaticano".

°____°''''

Io mi auguro che i genitori di questa bambina non abbiano neanche mai visto il documentario "Sex crimes and Vatican" della BBC sul coinvolgimento del
Vaticano per quanto riguarda la pedofilia il quale è davvero agghiacciante.
Tentavo ora di mettere qui il link del video da youtube ma, invece, ho trovato un altro video che confermava la censura di youtube e googlevideo sotto sollecitazione v
aticana: sempre più pulita la posizione della Santa Sede eh? ribattezziamola SS, invece di Santa Sede: è più comodo e più appropriato. Cmq potete scaricarlo da qui, quel documentario: http://go.to/vatican-sex-crimes o da Em
ule...

E' un peccato che ci sia il confondimento di Dio con la Chiesa e la
religione: Dio è qualcosa che avvicina gli uomini, la religione qualcosa che li separa, la Chiesa è un'istituzione materiale senza più senso.
L'avvicinamento degli uomini da parte di Dio è dato dal fatto che Dio è diverso
per ciascuna persona: sì, magari non tutti ci credono in Dio, però anche gli atei hanno dei valori che considerano universali e quindi sono delle specie di divinità: di conseguenza son sicuro che tutti in un Dio ci credono, sia un vecchio barbuto con un triangolo luminoso sopra la testa, sia l'amore per la giustizia. La religione è cultura, ricchezza interiore intrinseca a tutti quanti ma, in quanto di religioni ce ne sono tante, separa le persone: l'unico metodo per far in modo che questo non avvenga è ricordarsi che la religione ha come punto focale Dio: ma non se lo ricorda mai nessuno. La Chiesa come la conosco og
gi è un Stato ricchissimo che stanzia soldi per insabbiare le accuse di pedofilia, che prende l'8 per mille, che sovvenziona la bella vita di vescovi e cardinali, che dilaga nei fatti della politica "estera" senza nessun diritto ... non mi ci riconosco proprio in questa Chiesa... mi riconosco in qualche prete che fa del bene portando le offerte della messa a una famiglia che non sa come pagare i debiti, ma non nella Chiesa di chi non fa nulla e mangia a sbafo, non nella Chiesa che tra il suo clero annovera fraticelli in sandali anche d'inverno e papi in scarpette rosse di Prada. Non dico certo che voglio il clero in mezzo a una strada ma non mi piacciono queste disparità così poco coerenti con le dichiarazioni dei massimi apici della Chiesa stessa. Già il fatto che ci sia uno Stato retto dal papa, poi... è tutto un dire...

Le cose cambieranno mai? Non credo: Dio e religione rimarranno sempre due cose buone ma distinte per me... e la Chiesa rimarrà sempre a contarsi il gruzzoletto in tasca.

Ah tornando alla questione pedofilia nella Chiesa: in un servizio de "Le iene" su tale argomento, il caro Don Mazzi (che mi sta francamente sui coglioni) dichiarava che in questi casi bisognava andare a parlarne col parrocco, mica con la polizia, perchè "se un maestro da uno schiaffo a un alunno, io vado dal direttore della scuola, mica al commissariato" : eh beh, certo!!! infatti schiaffo e stupro sono proprio la stessa cosa!!! E se io, per caso, lavorassi alla Tim e ricevessi calci e pugni da un mio collega per un totale di un trauma cranico , da chi vado a lamentarmi? Ma da Tronchetti Provera, schiusa!!!

Insomma, ennesima dimostrazione che quando la gente è faccia di culo... e quando le faccie di culo sono molte... l'aria inizia a puzzare!!!

Ciao ^___^



martedì 29 maggio 2007

Ordinaria vita universitaria (di merda)



Sempre ieri, arrivò il giorno dell'esame per la terza parte di statistica: preparare una discussione di un articolo scientifico in gruppo NON è assolutamente così facile come si può pensare e, anche se eravamo tutti amici nel mio gruppo, ci son stati momenti di high voltage difficili da superare... Comunque noialtri, che siamo tutti bravi figliuoli, siamo riusciti a fare una discussione fighissima...

Quindi ci presentiamo all'esame, dove c'era solo un prof che interrogava, tenendo il gruppo per un'ora (60 minuti 60) sotto interrogazione e, poichè i gruppi erano 9 e l'esame iniziava alle 4 del pomeriggio e l'altra prof che doveva interrogare ancora non si trovava, vidi le facce dei miei colleghi diventare paonazze, il fumo uscirgli dalle orecchie e mi resi conto che io, invece, avevo impugnato un bazooka. Il prof scende giù a dirci che l'altra prof non è rintracciabile (poi arrivò con un'ora di ritardo, 'sta stronza) e che, se volevamo, lui poteva continuare a interrogare anche fino alle 9. Accettammo allegramente ma qualche gruppo rimaneva fuori lo stesso: ed ecco che, per non finire interrogati il giorno dopo, il lato peggiore dell'animo umano sgorgò da tutti noi. Chi adduceva come scusa che era venuta apposta apposta in macchina (OH POVERINA!!! SI SARA' STANCATA LA TUA MACCHINA, A FARE 50 KM!!!), chi che nella stessa settimana c'aveva un altro esame (sì, e a qualcun altro nella stessa settimana vengono le mestruazioni, però sono sempre cazzacci suoi, no?)... delirio totale ma alla fine qualcuno che ha deciso di farsi interrogare il giorno dopo si è trovato, miracolosamente. Già. Perchè è un miracolo che in un corso universitario, dove la maggior parte delle persone è minorenne di cabeza e i ventiduenni veri sono una manciata, ci possa essere un accordo anche solo per scegliere la carta igienica da usare nei bagni dell'aula, figuriamoci per decidere chi debba essere interrogato oggi e chi no.
Io e il mio gruppo siamo stati gli ultimi a essere interrogati (dal prof, non dalla prof, grazie al cielo: lei è più bastarda, anche
se tiene di meno!!! :D ) e ci ha tenuti fino alle 8 °_°''' un'ora e mezza di esame °_°''' (90minuti 90) °_°'''e alla fine 30 e lode a tutti :D
Proprio un grand'uomo quel prof: è stato
disponibile a interrogarci fino a quell'ora mentre un altro se ne sarebbe sbattuto le uova; e proprio
una gran donna anche la moglie francese del prof, che alle 8 meno un quarto lo ha chiamato per chiedergli di tornare a casa se non voleva il divorzio (il mio francese è un po' arrugginito... forse non lo ha costretto con questa scusa ad alzare i tacchi dal suo ufficio, magari gli ha detto qualcos'altro)...


E poi tutti insieme appassionatamente alla degustazione di vini in piazza (credo di non potermi più definire astemio) e a rimpinzarci al ristorante messicano.

Cmq...

Un esame in meno... una lode
in più... una serata con gli amici... che vuoi che sia... c'est la vie...




Baci ... ^___^

Voglio un cesso



Ieri avevo il tirocinio di medicina di laboratorio: il tutor era un figo pazzesco. Roba che se lo sognavo non mi veniva così bene (ho ancora la bava alla bocca ghghghghg): aaaaaaaaalto, capelli neri riccissimi che gli grondavano da tutta la testa, pelle scura alla marocchina, occhi verde chiaro/grigio, denti bianchisssssimi, simpatico... insomma, il risultato è che lui entra e ci saluta "ciao" e io "*___*", poi lui prende la sedia e si siede proprio di fronte a me, per spiegarci le cose, e io "*_____*" e mentre spiega continua a fissarmi con quei due occhi stupendi e io ancora "*____*". Stamattina c'era la secondo parte del tirocinio: compare un tizio veramente cesso che ci spiega le cose per i primi 3 minuti e poi ritorna il Marcantonio di ieri a farci da tutor e a spiegarci lui le cose. Ora: io cosa ho imparato? Una mentula: se i profi fossero tutti così boni io sarei un perfetto ignorante; non è giusto che le persone di bell'aspetto facciano da insegnante, bisogna che siano rigorosamente offendenti la sensibilità visiva di tutti noi, altrimenti finisce che noi poveri studenti stiamo là a fissare i nostri prof e cercare di immaginare come sono fatti sotto quel camice bianco... *____* oddio devo cercare di non immaginarmelo troppo però °_°'''
Propongo una petizione da inviare al
ministro dell'istruzione e dell'università e ricerca per un nuovo metodo di selezione per assegnare una cattedra: si fa innanzitutto un concorso di bellezza. Chi arriva entro le prime 3 posizioni... fuori dalle scatole, non può insegnare. E ovviamente (se il concorso è per i maschietti) avrà il mio numero di telefono.

Firmate!!!

Ciao *____*

domenica 27 maggio 2007

Piroette ed arabesque


Ieri sono andato a Paullo a vedere uno spettacolo di danza di un'amica del mio amico Paolo.
Insomma: io questa ragazza la conosco appena e, poichè Paolo non voleva andarci solo insieme a un'altra coppietta, ha fatto invitare anche me dalla ballerina... mi ha incastrato insomma.

Il saggio era in un oratorio, con un palco decisamente avanzato: riflettori di tutti i colori, sipario che si apriva e chiudeva da solo... mi ha stupito, pensavo che fosse la solita cagatina da bambini delle elementari.
Per quanto riguarda il saggio in
se, mi ha stupito
pure questo! I ballerini erano 5 (3 femmine e 2 maschi discretamente boni e totalmente gheis), sui 20 - 25 anni circa, molto bravi, con un programma che andava dalla classica alla moderna spaziando da Mozart a Geri Halliwell e Depeche Mode passando per il tango.
Belle coreografie, punti di noia praticamente nulli, musiche molto fighe...
Che dire... una bella serata...

SE NON FOSSE CHE non sono riuscito a conoscere nessuno dei due ballerini (e uno è pure di Cagliari! Potevo attaccare bottone con questo pretesto!!! io"Ciao! mi hanno detto che sei di Cagliari!Toh!Coincidenze della vita: io di Iglesias!Scambiamoci il numero di cellulare no?" lui "Ma certo!!! Saltiamo i preliminari e andiamo subito a letto, scusa!!!" Dite che è credibile?). Quindi son tornato a casa e ancora una volta mi son ritrovato da solo... per fortuna che oggi torna Ale, il mio coinquilino, così me ne combina un'altra delle sue e mi fa incazzare un po'... Dite che dovrei mettermi con Ale? Buona idea se non fosse un etero fidanzato e terribilmente brutto, privo di senso critico, incapace di pulire la casa e facente un sacco di casini... nonostante tutto è un bravo ragazzo...



Vabbè dai...



Tanto di ballerini ne è pieno il mondo...



Ciao ^___^

sabato 26 maggio 2007

E tu chi sei?



Sono EnRy, piacere vostro.

Ho 22 anni e sono di una ridente cittadina sarda il cui sport principale è il passa-parola-del-pettegolezzo (nonchè il io-so-essere-più-testa-di-cazzo-di-te).

Fisicamente mi vedrete dalle foto quando le metterò, cmq sono proprio un tipo... eh sì cari: come me non ce n'è !!!

Caratterialmente sono un giovane fior dell'acqua che si lascia trasportare dalle correnti oceaniche e che, dopo aver girato tutti i 7 mari, finalmente approda in una bellissima spiaggia e lì rimane, mettendo la testa a posto.

Studio a Pavia, ridente cittadina lombarda il cui sport principale è lotta-con-la-nebbia-o-con-la-zanzara, a meno che tu non sia uno studente: in questo caso è probabile che lo sport tuo principale sia il porcaloca-è-tardi-ho-il-treno-tra-5-schifosi-minuti.

Cosa studio? Studio medicina e chirurgia e il mio obiettivo nella vita è quello di diventare psichiatra oppure pediatra o, se proprio ho sfiga, internista (chirurgo non sarò MAI: se volevo imparare il punto croce, andavo da mia nonna).

Perchè ho fatto un blog? Mah... voglia di cambiare, creare, parlare, anche a e per persone che nemmeno conosco (forse un giorno ci si incontra eh :D )

Cosa mi piace nella vita? Mi piace l'odore del mare e il suono della sua risacca sulla spiaggia, specie al tramonto, mi piace il caldo, mi piace ridere e scherzare, mi piace la palestra, mi piacciono gli uomini (NON solo in senso filantropico: ahahahahhaha ), mi piace quando i prof mi fanno i complimenti, mi piacciono i colori accesi, mi piace la musica a tutto volume che va dalla classica a Madonna (miticaaaaaaaaaaaaaaaa!!! p.s.= per gli anni '80 ho un'adorazione totale, secondo voi Veronica Ciccone può non piacermi????), mi piace fare questo blog, mi piace il sesso (vabbè... a chi non piace? se a te che leggi non piace il sesso, curati), mi piace mangiare tante cose buone (tanto non ingrasso mai!!!) e mi piace cantare per i fattacci miei ( è un ottimo antidepressivo).

Alla domanda "Cosa non mi piace", invece, non risponderò: chi può dire se una cosa ti piace o no? neanche se l'hai provata, alle volte, puoi dirlo... la mente umana sa cambiare così presto opinione... è come un paio d'occhiali con lenti che ogni giorno cambiano colore: un giorno le cose le vedi verdi, l'indomani blu e così via... un giorno le cose ti piacciono e il giorno dopo chissà...

I momenti più importanti della mia vita? uhm... allora vediamo... 8 anni: il giorno in cui capii che non ero esattamente come gli altri bambini; 15 e 17 anni: i giorni in cui anche i miei genitori lo capirono e in cui lo dissi a qualche mia amica; 19 anni: i giorni in cui entrai in medicina e me ne andai di casa; 21 anni: la prima volta (sì lo so: è un po' tardino, ho aspettato tanto, non sono cazzi tuoi).

Le persone più importanti della mia vita? Mamma, papà, faccia di chiulo di mio fratello, la nonna e i miei amici :)


Beh se vedete che non ho risposto a una domanda per la quale voi non dormite la notte e vi strappate i capelli dall'angoscia... scrivetemi un bel commento e fatemelo notare, così pongo rimedio, lettori miei!!!


Bacioni ^_^


Ciau.

Capitolo 0


Ciao ^___^

Ecco, io nn
sono mai riuscito a capire perchè non si possa iniziare a contare dallo ZERO... in fondo ha più diritto lui ad essere il primo numero, invece dell'1... e poi è così bello... così curveggiante... tutto nero fuori e tutto bianco dentro... è un numero maltrattato come tante persone in questo mondo... quindi mi sembrava giusto dargli una piccola rivincita e dedicargli il primo post del mio blogghetto... e fare un piccolo minuscolo omaggio a tutti quelli che si sentono degli zero e che pensano che esserlo sia brutto...