mercoledì 30 maggio 2007

Dio avvicina, la religione separa, la Chiesa se la gode


Ratzinger parla coi genitori della piccola Madelein McCann, la bambina scomparsa in Portogallo qualche settimana fa.
Ratzinger ci parla.
Quello che in Texas è sulla lista degli indagati per pedofilia e che ha richiesto a Bush l'immunità in quanto "capo dello Stato Vaticano".

°____°''''

Io mi auguro che i genitori di questa bambina non abbiano neanche mai visto il documentario "Sex crimes and Vatican" della BBC sul coinvolgimento del
Vaticano per quanto riguarda la pedofilia il quale è davvero agghiacciante.
Tentavo ora di mettere qui il link del video da youtube ma, invece, ho trovato un altro video che confermava la censura di youtube e googlevideo sotto sollecitazione v
aticana: sempre più pulita la posizione della Santa Sede eh? ribattezziamola SS, invece di Santa Sede: è più comodo e più appropriato. Cmq potete scaricarlo da qui, quel documentario: http://go.to/vatican-sex-crimes o da Em
ule...

E' un peccato che ci sia il confondimento di Dio con la Chiesa e la
religione: Dio è qualcosa che avvicina gli uomini, la religione qualcosa che li separa, la Chiesa è un'istituzione materiale senza più senso.
L'avvicinamento degli uomini da parte di Dio è dato dal fatto che Dio è diverso
per ciascuna persona: sì, magari non tutti ci credono in Dio, però anche gli atei hanno dei valori che considerano universali e quindi sono delle specie di divinità: di conseguenza son sicuro che tutti in un Dio ci credono, sia un vecchio barbuto con un triangolo luminoso sopra la testa, sia l'amore per la giustizia. La religione è cultura, ricchezza interiore intrinseca a tutti quanti ma, in quanto di religioni ce ne sono tante, separa le persone: l'unico metodo per far in modo che questo non avvenga è ricordarsi che la religione ha come punto focale Dio: ma non se lo ricorda mai nessuno. La Chiesa come la conosco og
gi è un Stato ricchissimo che stanzia soldi per insabbiare le accuse di pedofilia, che prende l'8 per mille, che sovvenziona la bella vita di vescovi e cardinali, che dilaga nei fatti della politica "estera" senza nessun diritto ... non mi ci riconosco proprio in questa Chiesa... mi riconosco in qualche prete che fa del bene portando le offerte della messa a una famiglia che non sa come pagare i debiti, ma non nella Chiesa di chi non fa nulla e mangia a sbafo, non nella Chiesa che tra il suo clero annovera fraticelli in sandali anche d'inverno e papi in scarpette rosse di Prada. Non dico certo che voglio il clero in mezzo a una strada ma non mi piacciono queste disparità così poco coerenti con le dichiarazioni dei massimi apici della Chiesa stessa. Già il fatto che ci sia uno Stato retto dal papa, poi... è tutto un dire...

Le cose cambieranno mai? Non credo: Dio e religione rimarranno sempre due cose buone ma distinte per me... e la Chiesa rimarrà sempre a contarsi il gruzzoletto in tasca.

Ah tornando alla questione pedofilia nella Chiesa: in un servizio de "Le iene" su tale argomento, il caro Don Mazzi (che mi sta francamente sui coglioni) dichiarava che in questi casi bisognava andare a parlarne col parrocco, mica con la polizia, perchè "se un maestro da uno schiaffo a un alunno, io vado dal direttore della scuola, mica al commissariato" : eh beh, certo!!! infatti schiaffo e stupro sono proprio la stessa cosa!!! E se io, per caso, lavorassi alla Tim e ricevessi calci e pugni da un mio collega per un totale di un trauma cranico , da chi vado a lamentarmi? Ma da Tronchetti Provera, schiusa!!!

Insomma, ennesima dimostrazione che quando la gente è faccia di culo... e quando le faccie di culo sono molte... l'aria inizia a puzzare!!!

Ciao ^___^



4 commenti:

Paolo ha detto...

Confondere Dio, il dio di Abramo, Isacco, Giacobbe, il Dio del tetragramma sacro con il misticismo e i valori civili mi sembra poco corretto. Sia per i credenti che per i non credenti. Per chi crede in quel Dio, la religione è una cosa seria, una questione di ordine nella vita, ordine nel mondo del caos, una finalità e anche una causa. Non roba da poco. Per chi invece, come me crede in altri valori, è brutto sentire che qualcuno distingue Dio, la religione e la chiesa. A questo punto allora tutti sono autorizzati a tutto. Come dire che il capo dello stato è un sant'uomo, il parlamento ci piace poco e la nazione tutta è un branco di manigoldi. Sì, perché la chiesa è proprio questo, l'insieme di tutti coloro che credono nel Dio di cui sopra ed evidentemente anche nella sua controparte umana. La chiesa sono tutti i battezzati. Può non piacere, ma è così. Quindi mi pare un po' ridicolo distinguere un prete da un credente battezzato... anche se oggi la precisione delle cose è una virtù elitaria.
Altro è parlare delle leggi della chiesa... del diritto canonico... in sé francamente scandaloso...
Confondere Dio con Voltaire non porta da nessuna parte.

EnRy ha detto...

mah... secondo me invece son proprio cose diverse!!! la chiesa non sono tutti i battezzati: chi non si riconosce nella chiesa di oggi può anche essere battezzato, ma non fa comunque parte della chiesa! è un atto interiore che ti prendere parte a una chiesa, non un po' d'acqua sulla fronte che ti si spruzza da bimbo, quando ancora non capisci. Io poi non ho mai detto che tutti sono autorizzati a tutto: non considererò mai a priori il capo dello stato un sant'uomo ed è proprio per questo che non considero a priori Dio come una religione o come la Chiesa.
Ah poi una cosa... con questo ebraismo hai rottoooooooooooo :D
io comunque non ho mancato di rispetto a nessuno, anzi: ho solo sottolineato come il Dio di cui molte religioni parlano sia lo stesso e si rifletta in molti valori della società i quali qualcuno addirittura considera essere Dio stesso: che questo sia irrispettoso... io non credo (considerato che sono dei BEI valori) e se qualcuno si è offeso... sinceramente è un idiota.

paolo ha detto...

E dai, rifletti sul senso delle parole... di ogni singola parola. Se dici che il Dio di ogni religione è lo stesso, secondo me irriti tutti i credenti del mondo... perché così non fai altro che dire "Dio è una proiezione dell'uomo". Cosa di cui anch'io sono convinto... ma non è quello che pensa ogni credente.
Non pensare che quello che dico sia sempre quello che penso. Mi piace riflettere sul valore delle cose, quelle in cui credo e quelle in cui non credo. Ma, a sproposito... c'è qualcuno che ti legge oltre me?

PS: non offendere l'ebraismo! ahah

EnRy ha detto...

ma non è proprio come dici tu: se ogni credente crede nella sua religione, sa benissimo che Dio è unico, quindi sa anche che, l'unico Dio a cui un appartenente a un'altra religione può credere, è anche il suo Dio... Sillogismi aristotelici, caro... :)

p.s.= devo fare un po' di pubblicità al blog, hai ragione, mi sa che pubblico l'indirizzo in qualche sito pollaio!!! ahahahh!!!!