lunedì 28 aprile 2008

Quelli col cone-bra sotto l'armatura


Ma dico io cosa vi costava.
Bastava che ve ne stavate zitti. Che faceste gli indifferenti. Facevate finta di non sentire/non vedere/non accorgervi di niente e avreste salvato capra e cavoli.
E invece no.
No.
Vi siete uniti al gruppo dei "se-non-rutto-tre-volte-ogni-5-minuti-e-non-prendo-per-il-culo-un-frocio-al-giorno-non-sono-abbastanza-etero".
Pensavate di farla franca, ovviamente.
Pensavate che non esistessero pettini coi denti abbastanza stretti da far venir fuori anche i nodi più piccoli, come i vostri. Che poi, oddio...non era un nodo così tanto piccolo...

Così vi sollazzavate in grasse risate, quando gli "spacco-la-figa-finchè-voglio" mi prendevano di mira, durante le riunioni degli scout. E agli scout ci andavo giusto perchè mamma mi ci ha costretto finchè ha potuto: sia chiaro.

E voi ridevate... e spalleggiavate i vostri finti compagnoni di baldoria... ignari che prima o poi qualcuno avrebbe visto il vostro profilo su gay.tv, corredato di foto a petto nudo da vera maschiaccia.

E poi tu... sì, mi rivolgo proprio a te, concittadino che due anni fa entrò alla scuola di Amici della Mary O'Phillips in qualità di cantante... tu sei stato il più clamoroso: ridacchiavi come un minchia umano quando quei decerebrati dei nostri compagnucci scout mi chiedevano se mi piaceva il pene (pensando pure che mi scandalizzassi a sentirmelo chiedere: avevo 11 anni, mica 5! Ero già un arrapato! Tzè!) e poi, invece, già a quei tempi andavi in giro a Cagliari per locali gay?!?!? No scusa, ma almeno potevi cercare di salvare le apparenze. Vedi, un po' come continua a fare quello che era nella squadriglia dei Lupi: lui era uno dei ridacchiatori, è vero, però almeno si manteneva anche fuori dai giri, infatti mi sono stupito un sacco di trovare il suo profilo su gay.tv, invece che su vaginamylove.org. Oppure come continua a fare (ma continua? L'ho perso un po' di vista! Secondo me si è stancato!) il caposquadriglia dei Gufi, che è etero quanto una boccetta di Chanel nr.5.

E voi che ridevate. Di me. Perchè ero gay e non parlavo di figa. Perchè non giocavo a calcio. Perchè sono gay e non parlo di figa e non gioco a calcio e continuerò a esserlo e non farlo finchè campo.
E invece, voi, zitti zitti... Chissà che guardavate, negli spogliatoi, dopo la vostra mascolinissima partita a calcio, eh?
Ma dico io, ma che vi costava tacere? Proprio in basso, ragazzi...
Ma dico io: che figura di merda che avete fatto.

domenica 27 aprile 2008

Una marea di cazzatine ^_^




Your Japanese Name Is...



Kisho Oimikado







Your Mexican Name Is...



Don Elbanco







Your Biblical Name Is...



Ahmik Thaddeus



You will not live to see the end of times.







Your 1920's Name is:



King Garvin







Your Outrageous Name is:



Homer Sexual







Your 1950s Name is:



Melvin Howard







Your Hawaiian Name is:



Nahele Kane







Who Should Paint You: Andy Warhol



You've got an interested edge that would be reflected in any portrait

You don't need any fancy paint techniques to stand out from the crowd!






You Belong in the Baby Boomer Generation



You fit in best with people born between 1943 and 1960.

You are optimistic, rebellious, and even a little self centered.

You still believe that you will change the world.

You detest authority and rules. Deep down, you're a non conformist.






Your Sexy Brazilian Name is:



Aragones Santoro







You Are an Intense Kisser



When you kiss, it's deep and powerful



You don't take kissing lightly



Your kisses always have meaning



And they always make your head spin






Your Native American Name Is...



Wahchinksapa Enyeto




Your name means: Wise One Who Walks as a Boar







Your Irish Name Is...



Eoin Ryan







You Go For Brains!



You want a guy with a big... brain.

And of course it would be nice if he were a total hottie, but you're not counting on it.

What's on the inside is what counts for you. (Besides, you can always change the outside later!)






Your Uncommon Name Is:



Wally Hilton Mole







Your Rockstar Name Is...



Mister Zombie







Your Pilgrim Name Is



Giles Billington







Your 80s Hunk Is



Bill Gates






Your True Love's Name Is



Brian D.







Your Old Fashioned Name Is...



Simon Obson







You Should Date An Italian!



You love for old fashioned romance, with an old fashioned guy

An Italian guy is the perfect candidate to be your prince charming

If your head doesn't spin enough, just down another espresso with him

Invest in a motorcycle helmet - and some carb blocker for all that pasta!






You Belong in Amsterdam



A little old fashioned, a little modern - you're the best of both worlds. And so is Amsterdam.

Whether you want to be a squatter graffiti artist or a great novelist, Amsterdam has all that you want in Europe (in one small city).






Your French Name is:



Bellamy Poisson







Your Mommy Is Teri Hatcher



What You Call Her: Mother



What people say about yo momma: Yo momma so poor when she goes to KFC, she has to lick other people's fingers!






You Should Travel to Cambodia



While you might not go all Angelina Jolie and adopt a baby...

You can still appreciate Cambodia's rich history and deserted beaches.






Your Monster Profile



Psychotic Midget



You Feast On: Lasanga



You Lurk Around In: Shopping Malls



You Especially Like to Torment: Crybabies






Your Pimp Name Is...



Prince Trickz







Your Average American Name Is...



Eric Robert Brown







Your Vampire Name Is...



Augustus the Morbid







You Are 48% A Child of the 80s



Back in the day, you were totally 80s.

Tubular, totally tubular.






You Are 40% A Child of the 90s



You are such a child of the nineties. NOT!

Back in the day... well, you weren't really paying attention.






Your Goth Name is:



Master Melancholia







Your Superhero Profile



Your Superhero Name is The Purple Comet

Your Superpower is Extra-terrestrial

Your Weakness is Body odors

Your Weapon is Your Turbo Sling

Your Mode of Transportation is Fire Engine






Your Leprechaun Name Is:



Tweedle O'Taters







Your Summer Anthem is Hollaback Girl by Gwen Stefani



"So I'm ready to attack, gonna lead the pack

Gonna get a touchdown, gonna take you out

That's right, put your pom-poms down, getting everybody fired up"



For you, summer is all about fun, friends, and a little girl fighting.






Your Penis Name Is...



The Bald Avenger


lunedì 21 aprile 2008

Scrub's things


La cisti tendinea che ho al polso mi fa male: ho un dolore al lato ulnare dell'avambraccio, fino al gomito... parestesie all'anulare e al mignolo... magari mi faccio fare una lastra...

Il prof di gastro concede l'appello solo se gli consegnamo i libretti... della serie "Se vi dò l'appello e poi vi tirate indietro, vi ci vomito sopra".

Ho rivalutato molto la cardiologia: studiandola ti rendi conto che è una bella materia. Però non è bello fare il cardiologo: non voglio rimanere una vita a guarire infarti e blocchi di branca...


Sto seguendo il corso monografico di LinaBanfi sulle cardiopatie ischemiche. Devo dire che, quando ha tutto il tempo che vuole per spiegare è davvero bravina. Però, ovviamente, non è capace di coordinare i tempi verbali con le persone e i sostantivi con l'aggettivo, sia per il numero che per il genere. Riporterò alcune perle nel post che seguirà, insieme a quelle di altri profi (par condicio, ragazzi...).

Ho realizzato che, in quel policlinico, molti dei dottori (per fortuna non tutti) considerino lo studente come un peso. Gli dai fastidio. Sei un rompicoglioni. Mica un loro futuro collega che sta passando in una fase in cui anche loro sono passati. No, macchè, scherziamo? Gli dici buongiorno e loro tirano innanzi, impettiti nei loro camici ultrainamidati, senza neanche voltarsi e figuriamoci risponderti. Ma se ne andassero un po' a F-A-N-C-U-L-O!!!!!!!!

Non avrei dovuto, ma l'ho comprato: un pacchetto da 20 di Philliph Morris. Erano la mia marca preferita, quando fumavo (esattamente dai 17 ai 18 anni). Perchè l'ho fatto? Perchè volevo ricordarmi, con quell'odore di fumo, delle sere d'inverno e d'estate passate in Sardegna, passate con Elena, Denise, Laura e Fabiana, tutti quanti a fumare insieme e a parlare di ragazzi, aspettando sotto i portici l'arrivo di Gabriele (che sbagliava sempre il luogo dell'appuntamento) e, quando arrivava, ridevamo a crepapelle per il suo abbigliamento da checca o per i suoi capelli piastrati o per il suo sculettamento esagerato. Volevo ricordarmi, con quel profumo di tabacco, di quanto sia stato bello e traumatico scoprire che io non ero un essere trasparente ma avevo talmente tanta carne addosso che potevo farmi vedere da qualcuno. Volevo ricordarmi della paura di essere scoperto dai tuoi, con la sigaretta in mano. Volevo ricordarmi di quando, dal casino che stavamo facendo in via Corradino, ci tirarono un vaso di fiori. Volevo ricordarmi di quanto sia bello doversi preoccupare solo del compito di matematica della settimana prossima.
E, si sa, la corteccia olfattiva è così vicina al giro cingolato... così vicina che una sola zaffata di fumo tira fuori una cascata di memoria.

Il mio ex ha aperto un suo sito internet -.-''' ci ha messo tutte le sue poesie, tante foto sue dove è bello e piacione -.-''' ci ha messo una sezione con il suo indirizzo e numero di telefono -.-''' mancava il codice fiscale e basta... ma la cosa più brutta è il fatto che io continui ad andare giorno dopo giorno nel suo blog o nel suo sito: credo che tutto questo voglia dire una cosa sola. Che in un qualche modo, lui continua a piacermi. E ora che me ne sono accorto... ora sì che sono un po' confuso...

sabato 19 aprile 2008

Prima o poi, tocca a tutti


Oggi, non so perchè, mentre stavo guardando un film molto carino (una casa alla fine del mondo), ho pensato al giorno della mia morte.
Il giorno in cui il mio cuore smetterà di battere, il mio cervello smetterà di pensare e i miei muscoli smetteranno di muoversi.
Sarà un giorno che non dimenticherò mai.

sabato 12 aprile 2008

Tempo


...che non c'è. Per decidere che farò da grande.
Basta: lunedì vado a chiedere per un internato in urologia e per uno in pediatria o mi ritroverò laureato e senza un posto sicuro.

Baci.

venerdì 11 aprile 2008

Allora, poi, quindi, uhm ... eh?


10-04-08

Allora, devo dire che il mio intento di fregarmene delle opinioni della gente lo sto seguendo in maniera fin troppo accelerata: martedì sera sono uscito con Avvoltoio, era la vigilia del mio compleanno. Siamo andati a farci una birretta e poi nella solita via, per stare un po’ tra di noi. Mentre ci andavamo, in auto, io ero con la testa appoggiata alla sua spalla, in atteggiamento inequivocabile e me ne fregavo altamente se dai finestrini qualcuno ci notava; me ne fregavo talmente tanto che non volevo neanche vedere chi ci guardava e così ho chiuso gli occhi.
Arrivati a destinazione, scende dall’auto e va a prendere qualcosa nel baule: è il regalo per me :D
Mi ha regalato un paio di mutande di CK a righe grigie, blu, fuxia e rosse (bellissime Q__Q) e un paio di magliette intime grigio marezzato sempre di CK (bellissime Q__Q sono di quelle che puoi portare anche a vista, proprio come le cercavo io e del colore che cercavo io Q___Q bellisssssime Q__Q). E poi… vabbè… e poi abbiamo fatto quello che si fa di solito :D
E a questo punto viene il bello: quando eravamo proprio al clou della situazione (leggasi: amplesso) passa uno di fronte alla macchina che CI SGAMA IN PIENO. E vabbè. Che ci vuoi fare. Aspettiamo che prenda la macchina e se ne vada. Andato.Riprendiamo. Ma ne passa ancora un altro! Vabbè. Riaspetta che si prenda la macchina e se ne vada. Riandato. Ri-riprendiamo. E ancora un altro!!! Ma è una comitiva?!?!?! E che palle!!! Insomma, decidiamo di cambiare posto però ciò che mi preme è che non ero preoccupato della gente che ci aveva sgamato in quanto gay, ma semplicemente in quanto stavamo facendo sesso! Era una preoccupazione dovuta al pudore e non alla paura!!! Un passo avanti per la mia vita! E poi è la prima volta che lo scoccare del mio compleanno inizia con un bel orgasmo :D infatti dopo 5 minuti sono iniziati a fioccare i messaggini di auguri :D
Il giorno del mio compleanno, offro un aperitivo ai miei amici. Allora, ho prenotato al Manà per 10, poi però mi son reso conto che saremmo stati di più e ho richiamato per aumentare la prenotazione a 12, poi però mi son reso conto che saremmo stati 15 e allora, arrivato al locale ormai per l’aperitivo, ho chiesto al padrone se era possibile reperire altri due o tre posti… e lui mi dice “Speriamo… ma io ho una prenotazione per 10, a nome tuo!” Eh no cazzo!!! Allora al telefono non mi hanno cagato a dovere!!! Comunque alla fine eravamo 13 e ci siamo stati comodamente tutti, dai. Eravamo io, PupoBiondo, PupaBruna, MissPerfect, ExCoinquilino, CeLeHoTutteIo, BimboGrosso, Viterbesa, SuperValtellina, Schizofrenico, DolcissimaDelleMontagne, Lukino e Wèla. Sono stati dei bastardi!!! All’inizio mi hanno fatto credere (ma io non ci sono cascato) che il mio regalo fossero un paio di mutandoni azzurrini adatti a chi ha un culone da pachiderma!!! E loro tutti che ne esaltavano le (inesistenti) bellezze!!! Nel frattempo pure la cameriera è passata e ha detto in maniera mooooooooooooooooooooolto ironico “Belle eh?” E il regalo vero me l’hanno dato solo dopo che le ho indossate sopra i pantaloni, ovviamente mi hanno dovuto pregare in greco per farmelo fare… Il regalo vero, dicevo, è una camicia di Nara, stesso identico modello che avevo io quella sera (infatti ai miei amici gli è preso un colpo e mi hanno detto che la posso cambiare) però di tessuto e colore diversi… quindi me la tengo! ‘sti cazzi, è bellissima!!!! Q__Q Anche i mutandoni mi sono tenuto, però vado a cambiarmeli dai… ci stanno larghe pure le chiappe di Valeria Marini, là dentro!!! L’aperitivo l’ho pagato io, conciossiacosachè sono al verde XD
Poi siamo andati a prenderci una crépe alla Creperia dei 4 Gatti (e lì hanno pagato loro per me, che carini *_*) e poi siamo andati al Bar del Ponte ché lì c’è la serata universitaria e abbiamo incontrato un po’ di nostri compagni; poi siamo andati a farci un drink al Pozzo e poi a casa :D

Oggi sono stato anche nell’altra ala del reparto di Ematologia e la specializzanda che mi sembrava acida e distaccata in realtà è molto simpatica e gentilissima!!! Ah, io lo dico sempre che le apparenze sono proprio delle stronze!!! Eppure non si riesce mai a non ascoltarle e, prima di rinnegarle, bisogna sempre sbatterci la faccia!!!
Domani sarà l’ultimo giorno che faccio lì: saluterò tutti gli specializzandi, perché ci tengo proprio. Dei ragazzi che hanno solo 3 o 4 anni più di me, che mandano avanti un ospedale, che sono sottopagati ma oberati di lavoro, che hanno la pazienza e la gentilezza di badare anche a te e di spiegarti quanto più posso… io sono realmente commosso!!! Sono dolcissimi!!!
Mentre tornavo a casa, oggi, mi ferma un immigrato. Gli servirebbe un euro e mezzo per andare all’esse lunga. Un euro e mezzo eh? E chi ce l’ha? Dopo i bagordi di ieri sera, io, nel portafogli c’ho solo le mosche… e poi all’esse lunga con un euro e mezzo non riesci neanche a prendere il carrello… Gli ho detto che c’ho solo 40 centesimi e che se voleva gli davo quelli e lui “Ah, ma no! Anzi, scusami tu: in fin dei conti, uno studente è come uno straniero…” … e c’ha ragione!!! Dio mio quanto c’ha azzeccato!!! E poi mi ha detto che, se io gli davo quei 40 centesimi, io come avrei mangiato?... cioè… ma sei scemo? Ti do i 40 centesimi ma poi io ho altra roba, a casa, eh!!! E quindi l’ho costretto a prendersi quelle dannate due monetine. Allora lui si è messo a iniziare “Eh, è una vita di merda…bla bla bla…bla bla bla…” e la mia espressione mentre ascoltavo interessatissimo era questa: =_=° poi mi ha chiesto di dove sono. “Ecco” penso “Ora si vuole fare i cazzi miei” e quindi inizio a mentire “Di Milano”, lui “Ah di Milano? Eh, i milanesi sono intelligenti! E cosa studi?”, io “Legge”, lui “Ah! Legge! Tu diventerai un grande giudice e, mi raccomando, quando giudicherai uno straniero, trattalo bene…”, io “Sììììì arrivederci e buona fortuna ^_^”. Poverino, che faccia una vita di merda non ne dubito, però non avevo proprio voglia di stare ad ascoltare brutte storie… quindi sono poi arrivato a casa (e ho realizzato di aver dimenticato l’ombrello negli spogliatoi in reparto) e mi son lavato la mano che lui mi aveva stretto (si sa mai: la scabbia… non per essere razzisti, ma si sa mai…).
Ah, poi ancora prima di incontrare questo immigrato mi sono LETTERALMENTE CAGATO ADDOSSO per colpa di uno squilibrato. Allora, io tornavo a casa dal policlinico e, sul marciapiede, mi viene incontro uno; a un certo punto si ferma a debita distanza da me e mi dice, urlando “Ma te lo devo dire pure a te che ti sei fermato?!?!?!?”, per fortuna che ho continuato a camminare in quanto non ho realizzato subito che ce l’avesse con me: infatti questo era arrabbiato con quelli che si fermano e, quando mi ha visto che ho continuato a camminare, ha proseguito anche lui tutto tranquillo per la sua strada; poi ho realizzato che mi voleva menare perché stavo rallentando e allora mi sono cagato addosso ^__^

11-04-08

Ieri ho litigato con mamma: mi ha detto “E non ti vergogni?” quando le ho raccontato della storia delle mutande che ho indossato sopra i pantaloni all’happy hour per il mio compleanno. Le ho detto di smetterla e lei si è piccata e mi ha attaccato il telefono in faccia. Perché deve essere così fintamente perbenista? Perché è felice insieme a me solo quando passo gli esami? Perché se io mi diverto senza far male a nessuno, lei non può essere felice con me? Se c’è qualcosa che non sopporto più del perbenismo è il finto perbenismo…

Oggi era l’ultimo giorno di tirocinio in ematologia: ieri ho pianto, per questo. L’ematologia non credo che sarà proprio la mia specializzazione: troppo mnemonica, poco varia. Ma ieri, pensando a oggi come ultimo giorno là, mi è tornato in mente come sono stato trattato. Sono stato trattato dai prof in maniera splendida: sempre pronti a spiegarti tutto. Ho ripensato a come sono stato trattato dagli specializzandi e lì sì che è scattato il pianto: mi hanno trattato come uno di loro che fosse alle prime armi: sempre pronti a spiegarmi, sempre pronti a scherzare, sempre pronti a farmi provare, sempre pronti per me anche con 10 ore di lavoro alle spalle e ancora qualche altra da fare.
Quando me ne sono andato, gliel’ho detto: “siete stati dei miti!”; gli ho detto anche che, di quel posto, loro sono quello che mi mancherà di più.
Silvia, Michele, Marianna, Ilaria e Chiara (ma ce ne sono tanti altri con cui non ho avuto il piacere di avere a che fare) sono ragazzi poco più grandi di me ma oberati di lavoro e sottopagati e che ogni giorno si prendono cura di malati di leucemie o linfoma. E a loro non posso far altro che dire…
grazie di cuore!!! Q__Q Ora basta ché sennò mi rimetto a piangere…

Baci ^__^

mercoledì 9 aprile 2008

23 piccoli anni...


Alla fine, cosa sono 23 anni?
sono l’avere una mamma e un papà che sanno più di quanto non dicano;
sono l’avere un lunatico telegiornalista di una famosa rete nazionale come fratello;
sono l’essere nipote di una nonna tutta matta e di altri nonni e zii che non ci sono più;
sono pochi amici che vale comunque la pena di avere;
sono la mia prima vera storia sentimentale (dire “d’amore” è così demodé…) che devo far decollare un po’;
sono 22 esami universitari alle spalle;
sono 2 anni al conservatorio che non rifaresti mai e poi mai;
sono l’aver ricevuto ieri un messaggio dal tuo ex-compagno di liceo: “Ciao! Il 12 aprile sono DJ guest al De Sade a Milano! Vuoi che ti metta in lista?”;
sono il non sapere più che vuoi fare da grande;
sono le paure idiote di una vita che vorrei vivere un po’ di più;
sono la voglia di fare tanto e troppo poco tempo per farlo;
sono l’aver sbugiardato chi diceva che non potevi farcela;
sono l’esserti scornato dopo che qualcuno ti aveva detto di stare attento;
sono l’esserti preso un’influenza bestiale a Roma perché stavi sotto un acquazzone senza ombrello (Roma sotto la pioggia è così romantica… come godersela se reggi un ombrello?);
sono l’aver paura della solitudine e il bisogno di star solo;
sono la voglia di parlare e tanti “meglio se sto zitto, va’…”;
sono mille indecisioni e mille contraddizioni;
sono il non aver passato la rosolia, la varicella e gli orecchioni ma solo il morbillo e la salmonellosi (mi distinguo anche nelle malattie, ragazzi: questa sì che è classe…);
sono un grande senso dell’ironia ma alle volte poca autoironia;
sono un blog che esprime la mia immmmmmeeeeeeennnnnnnsssssssa creatività;
sono un aspetto giovanile che mi permette di fare ancora il teenager;
sono la voglia di arrivare ai 24 anni;
sono me.

Spesso aspettiamo che siano gli altri a farci gli auguri ma io ho sempre creduto che ognuno è il fabbro del suo stesso destino.
E’ per questo che mi auguro di trovare il meglio in questi 23 anni e di poter perdere l’inutile pesantezza del superfluo che spesso sporca la vita.

Tanti auguri, BimboSottaceto!

domenica 6 aprile 2008

Libertà


Stavo così bene con lui, oggi pomeriggio.
E lui che cercava di abbracciarmi.
E io che mi facevo mille film mentali pensando a cosa potesse succedere se la gente lì attorno ci vedesse mentre mi baciava o mi metteva un braccio attorno alla vita.
Ma si può continuare una storia con questi presupposti di paura?


Ma ne vale la pena?
E lui se lo merita?

Insomma, scandalizzerò pure qualcuno... ma un bacio che sa di libertà non è forse normale che faccia un po' di rumore?

Sono un po' pieno di queste storie... di queste paturnie... ma chi me lo fa fare... ho voglia di liberarmi un po'...

Ok, non mi dichiarerò al mondo intero, questo già lo so.
Però questo è l'ultimo giorno che avrò paura di non so cosa e non so chi: bacio chi voglio.


venerdì 4 aprile 2008

Mc Donald's VS Burger King




Round 1: Panini

MD sfodera panini untuosi, slurposi e che ti rimangono sullo stomaco solo se ne fai un uso eccessivo; BK presenta panini pesanti anche se ne mangi un grammo e che digerisci dopo 29 giorni. Vince MD!

Round 2: Patatine

MD ha delle patatine sottili e fritte nell'olio per motori, con una doratura che ricorda molto il colorito dei Simpson; BK ha patatine vere, più grosse e croccanti, con una doratura naturale come quella delle patatine fatte in casa, anche il sapore è migliore: più leggero. Vince BK!

Round 3: Ambiente

Sia MD che BK hanno un ambientino confortevole e odorante di fritto. L'ideale per una seratina all'insegna del romanticismo come per una rimpatriata tra vecchi amici. Sfida pari.

Round 4: Personale

Il motto "Sorrisi gratis" di MD è una balla universale, così come la fine del mondo secondo i testimoni di Geova o il seno naturale di Anna Falchi o il fatto che Federico Angelucci sia etero: l'unica cosa gratis da MD è la faccia scazzata dei suoi dipendenti; da BK il personale è effettivamente affabile, però molto più lento: potreste farci notte, là dentro. Vince BK (ma per un pelo)!

Round 5: Bibite

Sì ok: le bibite son sempre quelle sia da MD che BK però da BK puoi scegliere di NON metterci il ghiaccio, di modo che non ti inculino riempiendo il bicchiere di ghiaccio e mettendoci un goccio di bibita, cosa che fanno sistematicamente da MD. Vince BK!

Round 6: Gayezza

Premesso che i gay spopolano in entrambi, si può dire che da MD vadano più che altro i fashion victims mentre da BK predominano i gay in stile no-global-mi-farei-che-guevara o ragazzo-normale-della-porta-accanto-non-ho-grandi-pretese-se-non-un-ragazzo-figo-perchè-anche-io-me-lo-merito-e-che-cazzo. Sfida pari... insomma qui va a gusti.

Round 7: Rapporto costi/quaLItà

MD ha i panini più leggeri e le sue bibite sono annacquatissime (più sane di così...); BK mette dentro ai panini uranio impoverito e le sue bibite sono bibite vere: talmente gasate che con un rutto fai funzionare una centrale eolica. Vince MD!

Round 8: Rapporto costi/quaNTItà

I panini di MD sono miserrimi, nonostante le immagini dei loro menù con paninazzi superpompati che sembrano gonfiati col cortisone e, se volete bere la CocaCola, portatevela da casa; BK invece è capace di fare paninazzi giganti per davvero e le sue bibite (aridaje) sono pure. Vince BK!

Round 9: Età media dei frequentanti

MD è sovrappopolato di gente che va dai 2 ai 18 anni di età, BK è più che altro un fastfood da adulti. Considerato il casino immane che fanno i bambini che festeggiano là il compleanno (non capirò mai il motivo!!!) o i liceali che sbraitano contro quella troia di inglese, dire che vince BK!