venerdì 11 aprile 2008

Allora, poi, quindi, uhm ... eh?


10-04-08

Allora, devo dire che il mio intento di fregarmene delle opinioni della gente lo sto seguendo in maniera fin troppo accelerata: martedì sera sono uscito con Avvoltoio, era la vigilia del mio compleanno. Siamo andati a farci una birretta e poi nella solita via, per stare un po’ tra di noi. Mentre ci andavamo, in auto, io ero con la testa appoggiata alla sua spalla, in atteggiamento inequivocabile e me ne fregavo altamente se dai finestrini qualcuno ci notava; me ne fregavo talmente tanto che non volevo neanche vedere chi ci guardava e così ho chiuso gli occhi.
Arrivati a destinazione, scende dall’auto e va a prendere qualcosa nel baule: è il regalo per me :D
Mi ha regalato un paio di mutande di CK a righe grigie, blu, fuxia e rosse (bellissime Q__Q) e un paio di magliette intime grigio marezzato sempre di CK (bellissime Q__Q sono di quelle che puoi portare anche a vista, proprio come le cercavo io e del colore che cercavo io Q___Q bellisssssime Q__Q). E poi… vabbè… e poi abbiamo fatto quello che si fa di solito :D
E a questo punto viene il bello: quando eravamo proprio al clou della situazione (leggasi: amplesso) passa uno di fronte alla macchina che CI SGAMA IN PIENO. E vabbè. Che ci vuoi fare. Aspettiamo che prenda la macchina e se ne vada. Andato.Riprendiamo. Ma ne passa ancora un altro! Vabbè. Riaspetta che si prenda la macchina e se ne vada. Riandato. Ri-riprendiamo. E ancora un altro!!! Ma è una comitiva?!?!?! E che palle!!! Insomma, decidiamo di cambiare posto però ciò che mi preme è che non ero preoccupato della gente che ci aveva sgamato in quanto gay, ma semplicemente in quanto stavamo facendo sesso! Era una preoccupazione dovuta al pudore e non alla paura!!! Un passo avanti per la mia vita! E poi è la prima volta che lo scoccare del mio compleanno inizia con un bel orgasmo :D infatti dopo 5 minuti sono iniziati a fioccare i messaggini di auguri :D
Il giorno del mio compleanno, offro un aperitivo ai miei amici. Allora, ho prenotato al Manà per 10, poi però mi son reso conto che saremmo stati di più e ho richiamato per aumentare la prenotazione a 12, poi però mi son reso conto che saremmo stati 15 e allora, arrivato al locale ormai per l’aperitivo, ho chiesto al padrone se era possibile reperire altri due o tre posti… e lui mi dice “Speriamo… ma io ho una prenotazione per 10, a nome tuo!” Eh no cazzo!!! Allora al telefono non mi hanno cagato a dovere!!! Comunque alla fine eravamo 13 e ci siamo stati comodamente tutti, dai. Eravamo io, PupoBiondo, PupaBruna, MissPerfect, ExCoinquilino, CeLeHoTutteIo, BimboGrosso, Viterbesa, SuperValtellina, Schizofrenico, DolcissimaDelleMontagne, Lukino e Wèla. Sono stati dei bastardi!!! All’inizio mi hanno fatto credere (ma io non ci sono cascato) che il mio regalo fossero un paio di mutandoni azzurrini adatti a chi ha un culone da pachiderma!!! E loro tutti che ne esaltavano le (inesistenti) bellezze!!! Nel frattempo pure la cameriera è passata e ha detto in maniera mooooooooooooooooooooolto ironico “Belle eh?” E il regalo vero me l’hanno dato solo dopo che le ho indossate sopra i pantaloni, ovviamente mi hanno dovuto pregare in greco per farmelo fare… Il regalo vero, dicevo, è una camicia di Nara, stesso identico modello che avevo io quella sera (infatti ai miei amici gli è preso un colpo e mi hanno detto che la posso cambiare) però di tessuto e colore diversi… quindi me la tengo! ‘sti cazzi, è bellissima!!!! Q__Q Anche i mutandoni mi sono tenuto, però vado a cambiarmeli dai… ci stanno larghe pure le chiappe di Valeria Marini, là dentro!!! L’aperitivo l’ho pagato io, conciossiacosachè sono al verde XD
Poi siamo andati a prenderci una crépe alla Creperia dei 4 Gatti (e lì hanno pagato loro per me, che carini *_*) e poi siamo andati al Bar del Ponte ché lì c’è la serata universitaria e abbiamo incontrato un po’ di nostri compagni; poi siamo andati a farci un drink al Pozzo e poi a casa :D

Oggi sono stato anche nell’altra ala del reparto di Ematologia e la specializzanda che mi sembrava acida e distaccata in realtà è molto simpatica e gentilissima!!! Ah, io lo dico sempre che le apparenze sono proprio delle stronze!!! Eppure non si riesce mai a non ascoltarle e, prima di rinnegarle, bisogna sempre sbatterci la faccia!!!
Domani sarà l’ultimo giorno che faccio lì: saluterò tutti gli specializzandi, perché ci tengo proprio. Dei ragazzi che hanno solo 3 o 4 anni più di me, che mandano avanti un ospedale, che sono sottopagati ma oberati di lavoro, che hanno la pazienza e la gentilezza di badare anche a te e di spiegarti quanto più posso… io sono realmente commosso!!! Sono dolcissimi!!!
Mentre tornavo a casa, oggi, mi ferma un immigrato. Gli servirebbe un euro e mezzo per andare all’esse lunga. Un euro e mezzo eh? E chi ce l’ha? Dopo i bagordi di ieri sera, io, nel portafogli c’ho solo le mosche… e poi all’esse lunga con un euro e mezzo non riesci neanche a prendere il carrello… Gli ho detto che c’ho solo 40 centesimi e che se voleva gli davo quelli e lui “Ah, ma no! Anzi, scusami tu: in fin dei conti, uno studente è come uno straniero…” … e c’ha ragione!!! Dio mio quanto c’ha azzeccato!!! E poi mi ha detto che, se io gli davo quei 40 centesimi, io come avrei mangiato?... cioè… ma sei scemo? Ti do i 40 centesimi ma poi io ho altra roba, a casa, eh!!! E quindi l’ho costretto a prendersi quelle dannate due monetine. Allora lui si è messo a iniziare “Eh, è una vita di merda…bla bla bla…bla bla bla…” e la mia espressione mentre ascoltavo interessatissimo era questa: =_=° poi mi ha chiesto di dove sono. “Ecco” penso “Ora si vuole fare i cazzi miei” e quindi inizio a mentire “Di Milano”, lui “Ah di Milano? Eh, i milanesi sono intelligenti! E cosa studi?”, io “Legge”, lui “Ah! Legge! Tu diventerai un grande giudice e, mi raccomando, quando giudicherai uno straniero, trattalo bene…”, io “Sììììì arrivederci e buona fortuna ^_^”. Poverino, che faccia una vita di merda non ne dubito, però non avevo proprio voglia di stare ad ascoltare brutte storie… quindi sono poi arrivato a casa (e ho realizzato di aver dimenticato l’ombrello negli spogliatoi in reparto) e mi son lavato la mano che lui mi aveva stretto (si sa mai: la scabbia… non per essere razzisti, ma si sa mai…).
Ah, poi ancora prima di incontrare questo immigrato mi sono LETTERALMENTE CAGATO ADDOSSO per colpa di uno squilibrato. Allora, io tornavo a casa dal policlinico e, sul marciapiede, mi viene incontro uno; a un certo punto si ferma a debita distanza da me e mi dice, urlando “Ma te lo devo dire pure a te che ti sei fermato?!?!?!?”, per fortuna che ho continuato a camminare in quanto non ho realizzato subito che ce l’avesse con me: infatti questo era arrabbiato con quelli che si fermano e, quando mi ha visto che ho continuato a camminare, ha proseguito anche lui tutto tranquillo per la sua strada; poi ho realizzato che mi voleva menare perché stavo rallentando e allora mi sono cagato addosso ^__^

11-04-08

Ieri ho litigato con mamma: mi ha detto “E non ti vergogni?” quando le ho raccontato della storia delle mutande che ho indossato sopra i pantaloni all’happy hour per il mio compleanno. Le ho detto di smetterla e lei si è piccata e mi ha attaccato il telefono in faccia. Perché deve essere così fintamente perbenista? Perché è felice insieme a me solo quando passo gli esami? Perché se io mi diverto senza far male a nessuno, lei non può essere felice con me? Se c’è qualcosa che non sopporto più del perbenismo è il finto perbenismo…

Oggi era l’ultimo giorno di tirocinio in ematologia: ieri ho pianto, per questo. L’ematologia non credo che sarà proprio la mia specializzazione: troppo mnemonica, poco varia. Ma ieri, pensando a oggi come ultimo giorno là, mi è tornato in mente come sono stato trattato. Sono stato trattato dai prof in maniera splendida: sempre pronti a spiegarti tutto. Ho ripensato a come sono stato trattato dagli specializzandi e lì sì che è scattato il pianto: mi hanno trattato come uno di loro che fosse alle prime armi: sempre pronti a spiegarmi, sempre pronti a scherzare, sempre pronti a farmi provare, sempre pronti per me anche con 10 ore di lavoro alle spalle e ancora qualche altra da fare.
Quando me ne sono andato, gliel’ho detto: “siete stati dei miti!”; gli ho detto anche che, di quel posto, loro sono quello che mi mancherà di più.
Silvia, Michele, Marianna, Ilaria e Chiara (ma ce ne sono tanti altri con cui non ho avuto il piacere di avere a che fare) sono ragazzi poco più grandi di me ma oberati di lavoro e sottopagati e che ogni giorno si prendono cura di malati di leucemie o linfoma. E a loro non posso far altro che dire…
grazie di cuore!!! Q__Q Ora basta ché sennò mi rimetto a piangere…

Baci ^__^

5 commenti:

ivri (ag) ha detto...

E chi ti ci ha mandato? :D

EnRy ha detto...

Bhe... TU NO -.-''' me l'hai pure sconsigliata, emato!!!

Daron ha detto...

Be'...intanto hai fatto commuovere me... Te possino!!

EnRy ha detto...

piangiamo insieme, dai Q__Q sigh sigh... mi mancano i miei specializzandi!!! :'(

ivri ha detto...

No, scusa, adesso dimmi che con quella specie di avatar il tuo futuro non è la pediatria, se hai coraggio!

:D