martedì 30 marzo 2010

Burlesque


Sol-la-sol-fa-re-sol-fa-sol-fa-mi-do-sol,
mi-fa-mi-re-si-fa-re-mi-re-do-la-mi,
do-re-do-la-re-do-do-re-do-sol-do-sol,
sol-sol-re-sol-la-sol-fa-sol-si-do-mi-fa...




Ché poi, se dici che non sei fidanzato nonostante stai uscendo da mesi con un ragazzo, capita che davvero davvero va a finire che ti comporti come un single. E magari non sempre va a finire tutto come vuoi tu.

Dopo la classica uscitina del weekend con TheGentleMan in cui tutte le mie remore del fatto che io so che lui sa che io so che lui ha comunque un profilo su un sito-pollaio sono sparite al primo bacio orizzontalizzato sul letto, inizio la domenica.
Ah! La domenica! Foriera di grandi emozioni! Sprint finale dell'epoca del riposo! Contenitore di folli follie prima di ridedicarsi al lavoro! Vero? AHAHAHAHAHAHAH no. Non è vero per una cippa lippa. Diciamo soltanto che è stata foriera di grandi cavolate e delusioni ma pure le delusioni erano delle cavolate.
Quella domenica sera, la stessa domenica sera della domenica mattina in cui TheGentleMan abbandonava felice e contento il mio talamo, considerato che io non sono fidanzato, avevo un appuntamento con un ragazzo cariiiino, ma cariiiiiiiiiiino, ma cariiiiiiiiiiiino, il classico biondino occhi azzurri mezzo teutonico e mezzo toro che ti stava tampinando da un bel po' e che ti ha più volte fatto capire che se ti prende ti rivolta come una mutanda, presente? Ecco, lui. Insomma per domenica ci dovevamo...ehm... vedere. Se non ché, mi arriva un suo messaggio dove mi avverte che forse è meglio non vedersi mai e che lui è troppo instabile. Sì, santa pheega, che sei instabile l'ho capito da solo, considerato che in mezza giornata mi hai dichiarato fuoco e fiamme di passione, dato appuntamento e annullato il medesimo appuntamento. Sei evidentemente instabile, però almeno dammi una spiegazione. La spiegazione fu che non avevo manifestato molto entusiasmo all'idea di vederlo. Cioè, pretendeva che mi arrampicassi sul soffitto in stile Spider Pork? Mavabè... lui è abbastanza irremovibile. Se l'è cantata e suonata da sola. E ha pure chiuso il sipario da solo.
Dite che gli sia bastata una pugnetta con la mia effigie? Oh, diamine...

Però c'ero rimasto proprio male.
Io già mi pregustavo quel ragazzo così carino e non so se me lo pregustavo solo per la sua carne, fregandomene del suo contenuto, in pieno stile "men eater", oppure se mi pregustavo già qualcos'altro considerato che è uno dei pochi ragazzi al mondo che si ascoltano le trashate che mi ascolto io, che ha la maglietta di Diana Est che ho io e che fanno il frocio come lo faccio io ma bensì però tuttavia nonostante tutto non va negli stessi posti che vado io (cioè dove va tutta la Lombardia gaya) e ciò fa di lui un caso atipico e interessantissimo che mi interessava conoscere. E dopo questo sproposito di parole dove la povertà di punteggiatura regna sovrana (direi quasi un flusso di coscienza, molto Joyce e molto rincretinito) ritorno alla domanda di prima: cosa diavolo mi aspettavo? E sopratutto, perchè ci sono rimasto così male dal non vederlo?
Mettiamo le cose sul piano della razionalità: come faccio a rimanerci male? Alla fine neanche lo conosco: era solo un contatto msn con una bella faccia incollata sopra. Forse bisogna arrendersi all'evidenza che questa girandola di uomini mi piace, mi appassiona, mi fa piacere?
E mi fa piacere agli altri o a me stesso? E' solo un modo per vedermi riconosciuta una certa "carnalità sociale", un certo status symbol sotto forma di record personale ma conosciuto da tuti oppure lo faccio solo perchè io in quanto persona-mente-anima sono portato a farlo e non posso farne a meno? E poi, saranno veramente due cose diverse? O forse il fatto di piacere agli altri poi diventa automaticamente un autopiacere verso me stesso e, viceversa, più mi piaccio più questo traspare e piaccio pure agli altri? E questo è una dipendenza? Sarò per caso mezzo malato? Non è che dico "smetto quando voglio" e invece non ci riesco? Starò cercando solo di riprendermi un qualcosa che non ho mai avuto e che forse non ci ho mai tenuto ad avere, cioè una ipersessualità che va oltre i confini e si estrinseca nel tuo stesso modo di vivere gli altri aspetti della vita, con minimo di polso e di aggressività in più, forse?
Sarà l'ennesima voglia di conferma di me stesso? Sarà solo un normale stadio evolutivo? O un capriccio?
E a questo punto, ciò che faccio nei rapporti amorosi, è tutta una burla ai danni dell'altro (e in cui, alla fine, me la prenderò nel culo solo io), il frutto di chissà quale mia adolescenziale turbe psichica? Oppure ci sto mettendo un minimo di raziocinio e al diavolo le mie voglie di autoaffermazione perchè in queste cose bisogna metterci cuore-sole-amore?

E TheGentleMan? Perchè ho così voglia di sapere quello che prova ma allo stesso tempo paura di tutte e due le risposte che potrebbe darmi? Mi dicessi che prova solo amicizia, mi sentirei mezzo tradito-usato; mi dicesse che mi ama, mi sentirei in una trappola.

E non mi starò facendo troppe pippe mentali? E non dovrei pensare semplicemente a scopare di più?
Ed è nato prima l'uovo o la gallina? E possibile che abbia di nuovo vinto Formigoni? E Madonna sarebbe diventata famosa se Lady Gaga le avesse fatto concorrenza agli inizi della sua carriera?
Troppe domande che mi attanagliano, troppo stupide per avere una risposta. Oppure troppo ovvie per dargliela.

Taratà. Squilla MSN. Mi contatta uno che avevo quasi dimenticato. Uno di quelli mezzi gnocchi e mezzi tori, non so se avete un'idea. Dice che vorrebbe vedermi...
E con un giro di danza esco di scena e vado a iniziare un'altra danza ancora.

O no?

K.I.S.S.

martedì 23 marzo 2010

Under construction (fairy tale & reality)


Fino a quando gli occhi miei
avran luce per guardare
gli occhi tuoi...




E' fantastico girovagare per l'Italia.
E' fantastico scoprire che le città di mare si assomigliano tutte nella loro atmosfera.
E' fantastico scoprire che Genova è piena di bellissimi ragazzi che ti guardano e ti riguardano.
Se non fosse che ci sono certi tuoi amici che si svegliano due ore dopo che il treno è già partito.
Se non fosse che i suddetti amici ti fanno tornare un pezzo indietro in treno, per venirli a prendere, impedendoti di pranzare in quel grazioso e profumatissimo ristorantino di Camogli.
Se non fosse che il pranzo sei stato costretto a farlo da Maria La Zozza, con al tavolo a fianco Giobbe Covatta (giuro).
Se non fosse che quei tuoi certi amici ritardatari e decisamente minchioni hanno pure invitato uno che con tutti gli altri c'entrava come la merda sulle scarpe di Victoria Beckam (però almeno era uno gnocco).
Se non fosse che quei tuoi certi amici ritardatari abbiano voluto offrire il pranzo alla merda sulle scarpe della VB (ovviamente coinvolgendo pure gli altri e quindi anche io ho dovuto sborsare due preziosissimi euri).
Ma comunque... l'aria di mare!

Ah! L'aria di mare! Vale tutto questo!!!

Insomma. La mia vita era arrivata a un punto stabile. Io avevo TheGentleMan, TheGentleMan aveva me, non eravamo fidanzati ma era un po' come se lo fossimo, nessuno chiedeva all'altro se ci vedevamo anche con altri ragazzi, era tutto perfetto anche se perfetto non lo era, anche se lui aveva un profilo su gayromeo. Ci divertivamo, ci piacevamo, uscivamo, mangiavamo, facevamo l'amore e io pensavo seriamente a chiedergli di iniziare qualcosa di più.
Ma una grossa incognita era dietro l'angolo. Un'incognita che non avrei mai pensato potesse essere tale. Un ostacolo che si è parato di fronte a me prima che potessi frenarmi ed evitare di andarci a sbattere.
Insomma, Ivri che non si fa i cazzi suoi.
Ha visto il profilo di gayromeo di TheGentleMan. Sapeva che era lui. Gli scrive. Dopo avergli scritto mi chiama su msn e me lo dice.

Ivri: Ciao! Ma sai che ho scritto su gayromeo a TheGentleMan!
IoLievementeAlterato: Cosa?
Ivri: Sì, gli ho scr...
IoAlteratoDelTutto: PUTTANA!!!
Ivri: Ma gli ho solo sc...
IoPiùCheAlterato: TROIA!!!
Ivri: Ma gli ho s...
IoAlteratissimo: VAFFANCULO, TRADITORE!!! MIGNOTTABAGASCIAPOMPINARACHEGLIPIACEFARELEAMMUCCHIATE!!!
Ivri: Calmati. Gli ho solo scritto come va e soltanto per vedere la sua reazione.
IoCalmaRitrovataMaScetticismoAncoraPresente: Ma davvero.
Ivri: Sì.
Io: E... che reazione sta avendo?
Ivri: Niente, adesso ci siamo presentati... ecco, ora mi ha chiesto cosa faccio nella vita... ecco, adesso mi ha risposto che è evidente che c'è un nesso che collega lui e la medicina visto che il suo ex era un ricercatore medico, poi ha conosciuto te cioè un aspirante chirurgo plastico-medico legale-non si sa, poi un infermiere della rianimazione e adesso me...
IoSatanaInPersona: COOOOOOOOOOOOOOOOOOOOSA?!?!?!?!?
Ivri: Cosa cosa?
IoOrecchieIncredule: Un infermiere della rianimazione?!?!?!?!?!?!??!?!?!
Ivri: Eh.
Io: Ma come si permette!?!??!?!?!?!??!?!? Cioè, lui vedi altri oltre me?!?!?!?
Ivri: Ma scusa eh. Mica siete fidanzati.
Io: E QUESTO COSA CAZZO C'ENTRA, IVRI.
Ivri: E LittleBeef?
Io: E QUESTO COSA CAZZO C'ENTRA, IVRI.
Ivri: Vabbè comunque, era solo per vedere la sua reazione, davvero, ora gli chiedo se per caso l'aspirante plastico-legale-vattelappesca si chiama BimboSottaceto, a quel punto dirò che ti conosco e che è meglio finirla qui. Ok?
Io: MA TU SEI TOTALMENTE SCEMO!!!
Ivri: Ma non posso mica fare il maleducato e non rispondere più!
Io: Certo che puoi! Non hai neanche foto sul profilo! Che ti frega?!?!? E poi se tu gli dici che mi conosci, lui si immaginerà che tu mi dirai che lui ha un profilo su gayromeo e che ti ha detto che ha visto altre persone! Ma la nostra relazione, grazie a te fino a mezz'ora fa, si basava sul "occhio non vede, cuore non duole"!!!
Ivri: Io non voglio fare il maleducato!
Io: Beh però hai fatto l'impiccione e l'inopportuno! Quello sì che ti va di farlo!
Ivri: Ma che male c'è se gli scrivo quello?
Io: Niente, solo che preferisco tu non lo scriva! Come tu hai preferito che io non scrivessi certe cose sulla tua bacheca di FaceBook! No?
Ivri: Ma non voglio fare il maleducato...
Io: AAAAAAAAAAAAAAAA... Ancora con 'sta storia del maleducato??? Ascolta, fai come ti pare. Poi, però, se ci saranno conseguenze, ti dico solo che sono cazzi tuoi. Oh! Se saranno solo cazzi tuoi!

Ivri mandò quel messaggio.

Il giorno dopo, vado a Milano per un giretto di shopping infruttuoso e sotto la pioggia. Mentre vago per Via Torino in cerca di qualcosa di carino nonchè economico nonchè non ancora presente nel mio armadio (nonchè impossibile, a 'sto punto), mi arriva un messaggio di TheGentleMan in cui mi dice che ha conosciuto su gayromeo Ivri. Ci rido su e gli dico che il mondo è davvero piccolo e gli chiedo se avesse voglia di cenare con me.
Ci vediamo e ceniamo assieme.
Sì, ci sono stato bene, ma non è stato come le altre volte.
Mi chiede di fermarmi da lui ma la mattina dopo avrei dovuto studiare e preferivo di no.
Preferivo di no.

E mi sembrava che tutto andasse troppo liscio.
Sì lo so: la mia non è una vera relazione quindi non dovrei prendermela così ma, inaspettatamente, non ci riesco. Diciamo che è una relatio in fieri. Una wannabe-relationship. Un  fra-un-po'-te-lo-chiedo. E ci stavo lavorando su, ecco. Ci stavo lavorando SERIAMENTE a questo bel progettino.
Certo, ammetto che tra un lavoro e l'altro, mi prendevo un diversivo (e poi che sarà mai... ne avrò presi giusto un paio, di diversivi, in tutto 'sto tempo!) però l'impalcatura era ormai bella che fatta. C'era anche qualche oggetto d'arredamento. E due o tre divani di design. Non era ancora finita però io ci lavoravo tutto il giorno.
E il cemento che usavo qual era? Era il cemento "non-sai-cosa-fa-quindi-va-tutto-bene-e-ti-autoconvinci-che-non-faccia-niente".
Perchè parliamoci chiaro: tutte le relazioni nascono come amorazzi. Non è che conosci qualcuno e all'improvviso diventi una monaca di clausura per lui. Sì, aspetta e spera. Eh, cazzo.
Conosci qualcuno, lo frequenti ma parallelamente la tua vita va avanti. E quando sarai pronto per fare in modo che la tua vita coincida con la sua, vorrà dire che hai finito di lavorarci su. E in quel caso, ovvio che non si scopa più con altri (beh oddio un bel triangolo con... MAVABE', non perdiamoci in chiacchiere).
E ora ho finito il cemento perchè Ivri me l'ha sostituito con il "guarda-che-fa". Ma nel mio progetto non era per niente contemplato sapere quello che faceva lui. Sì certo: potevo immaginarlo, potevo avere delle intuizioni ma NON potevo avere la certezza! E non avere la certezza era grandioso!!! Liberatorio! Alleggerente! Anzi, se proprio dobbiamo dirla tutta, non solo nel progetto non era contemplato sapere quello che faceva lui ma, anzi, era contemplato il NON sapere quello che faceva lui!
E Ivri??? Come ha potuto essere così superficiale, lui che da sempre mi taccia di poca attenzione? Perchè? Cosa gli costava NON mandare quel messaggio al mio ragazzo-non-ragazzo? Non dubito che lui avesse intenzioni pulite, però perchè spingersi oltre?
Qualcuno, questo mio voler non vedere, lo chiamerebbe "non vivere nella realtà" ma, alla fine, la realtà non comprende anche un nostro mondo interiore?
E se io, nel mio mondo interiore, stavo vivendo la perfezione (un ragazzo fantastico + una relazione in costruzione + amanti con data di scadenza sulla fronte e felici di averla), perchè sbirciare alla finestra per vedere cosa succede lì fuori?
Ancora niente mi interessava di quello che succedeva realmente ma ora credo che dovrò sbrigarmi col progetto, nel cantiere.
Che poi, cosa sto costruendo, non lo so nemmeno io.

K.I.S.S. (Keep It Simple, Stupids)

martedì 16 marzo 2010

Red hot feelings



A little gambling is fun where you're with me...
No he can't read my poker face
(She's got to love nobody)




Consiglio a Ivri di aggiungere OcchiVerdeDollaro su FaceBook, tanto a me non piace più. E, per la prima legge dei froci "se su FaceBook lo aggiungerai, il numero di telefono gli chiederai", infatti di lì a poco si sono scambiati il numero di cellulare e ogni tanto si sentono. E per la seconda legge gaya " se il suo numero hai, prima o poi ci copulerai", infatti stanno programmando di vedersi.
Non sono per niente contrariato, davvero. Del resto a me OVD non piace davvero più, da quel punto di vista. Solo che mi fa un po' strano che sia proprio Ivri il (forse) predestinato a ricevere le grazie OVDesche e non io. Ma si sa: è la terza legge finocchia. La più dura da digerire: "se troppo tempo gli stai dietro, lui si allontana a più di un metro". E infatti.
E poi Ivri ora si è incavolato con me perchè ho scritto sul suo FaceBook un messaggio che, se letto con un'attenzione che nessuna persona sana di mente mette quando legge i messaggi sulle bacheche di FaceBook, potrebbe far capire che lui è gayo. E mi ha cancellato dai suoi amici FaceBook.

Cioè ma si può? Io che non sono tra i suoi amici FaceBook?
Ricapitolando: mi scarico il credito sul cellulare per chiamarlo perchè lui è depresso in quanto i suoi appuntamenti vanno a rotoli uno dopo l'altro, sono l'artefice del suo futuro incontro con
OVD e premo affinchè tutto ciò accada, gli voglio un sacco di bene... e lui è talmente mestruato che si incazza per così poco.
Mpf.


Serata al Barbarella, con TheGentleMan e compagnia scheccante.
Non è affatto giusto: sono (quasi) tutti più palestrati di me in quella, discoteca. Al Borgo era diverso, cavolo. A dire il vero, il Borgo è proprio un altro mondo. Facciamo un esempio.
Al Borgo succede così:

[Giasssssdeeeeeeens gonnabì occheeeeeeeei turuturùùùùù giasssssssssdeeeeeeens]

Gay: Ciao!
Checca: Ciao!
Gay: Come ti chiami?
Checca: Checca
Gay: Io Gay

Checca
: Vuoi ballare?

Gay: Saltiamo i preliminari: andiamo a casa mia a fare un po' di esercizi ginnici


Al Barbarella, invece, le cose funzionano così:

[Tunztunztunzunztunztunztunz]


Pompato: Ciao
Palestrato: Ciao
Pompato: Addio, sono troppo figo per chiunque qui dentro, pure per te
Palestrato: Ma magari ti rovesciassero addosso il bicchiere sulla tua magliettina di  Jean Paul Gautier, anoressica che non sei altra e che non ha neppure abbinato correttamente le scarpe alla cintura. Ma sei scema? Ma ti sembra il caso di mettere una cintura nero corvino con delle scarpe nero petrolio?
Pompato: Ascolta, vuoi la guerra? Vuoi costringermi a farti notare che i tuoi pantaloni (tra l'altro fuori moda da almeno un mese) svelano i due grammi di massa grassa che hai in più? Ma cosa aspetti a sistemarti quel fisico? Un condono edilizio? Guarda che al massimo ti fanno fare il cubista al Borgo, con quei pettorali. Cioè dai, certo che con te dentro, 'sto locale è sceso a dei livelli... Non so, la prossima volta facciamo entrare pure Maicol del Gièffe, guarda...

Insomma, al Barbarella vai per ballare e basta. Un acchiappo lì dentro (come lo vorremmo io e tutti i bei ragazzini giovinicarinispregiudicati come me) è roba che te la devi segnare sul calendario per ricordarti che è avvenuta. Vuoi fare quattro chiacchiere al Barbarella? Hai più possibilità di chiacchierare coi cubisti che con gli avventori del locale (e non scherzo! Io sorridevo al cubista figo e lui mi ricambiava! Che bono!). Ah beh, c'è da dire che gli avventori del Barbarella meritano, fisicamente, eh. Infatti continuerò ad andarci. Avevo una paura matta di incontrare LittleBeef. Che gli dicevo se lo incontravo? "Ciao, questo è TheGentleMan, l'altro ragazzo con cui scopavo mentre scopavo anche con te"? Nah, dai, non avrebbe funzionato. In compenso, se non c'era LittleBeef, c'era PocketGymmy, un grazioso abitante di questa ridente cittadina universitaria, carinissimo, bel viso, fisico della Maddàna il cui unico difetto è quello di essere più basso di me... ma ci sorvolerei simpaticamente sopra. E ha anche un grande pregio: mostra simpatie nei miei confronti. Peccato che quella sera l'ho visto limonare con un tipo che, diciamocela tutta, da piccolo non ha portato a sufficienza l'apparecchio per i denti.

Uff, mi dispiace sempre quando casco nel facile tranello di parlare dell'aspetto fisico e giudicare sulla base di questo. Sì, lo so: semplici giudizi estetici. Tutto qui. Però mi dispiace lo stesso. Che ne so: magari tutti quei palestrati sono anche laureati in Fisica Nucleare o in Archeologia, fanno volontariato presso la Caritas, coltivano hobby come la numismatica e la letteratura tedesca e sono andati in discoteca solo perchè quella sera c'era Alessandro Cecchi Paone (che potrebbe smaltire un po' de panza scendendo in pista giù a ballare, già che c'è, invece di rimanere sul palco svaccato a fianco al DJ, insieme al suo ragazzo che potrebbe essere il nipotino e che fa il "modello" e, se quello è modello, io sono il nuovo volto di Armani Jeans.. oddio ci son cascato di nuovo!) e volevano parlare con lui di biologia molecolare.
E magari il ragazzo che non ha portato a sufficienza l'apparecchio per i denti era un endocrinologo che doveva aiutare PocketGymmy con i suoi problemi di crescita. E magari PocketGymmy è anche un esperto odontoiatra.
Oddio qualcuno mi fermi. Sparatemi. Crocifiggetemi. Azzittitemi.

Il coinquilino di TheGentleMan lo adoro: è troppo viveur inside. E si è pure fatto uno che si è fatto anche Ivri.

Gaylandia è davvero piccola.
Quando ci saremo fatti tutti, quando avremo baciato anche l'inbaciabile, quando avremo inculato anche l'ininculabile, ci renderemo conto che essere "tutti amici" sarà un tantino più complicato di quello che sembra.

E a proposito di TheGentleMan... la mattina dopo, mentre lui è in bagno, io gli sbirgio l'iPhone (lo voglio anche io, porchèva): quante applicazioni! Uuuuuuuuh che carino questo giochino!!! Faccio subito il record mondiale. Ecco, ora provo quest altro giochetto: ecco, ho superato il primo livello, ora faccio il secondo, due miliardi di punti, prendo sette vite plus, l'arma atomica anti-mostro dello spazio profondo, acquisto l'armatura di Sailor Moon e mi appresto a distruggere il meganemico finale con la faccia di Amy Winehouse da strafatta. Bene ora cambiano gioco: Grindr. Uh chissà che è. Ma... non è un gioco. E' Gayromeo. Solo che è per iPhone.
Quindi TheGentleMan è iscritto a Gayromeo. E con tanto di foto.
Giuro che non mi disturba. L'unica cosa che mi dà fastidio è che una delle sue foto sia scattata di fronte allo specchio del cesso: cioè, vogliamo parlarne?

E io che mi facevo tanti problemi.
E io che mi dicevo "Scopo con LittleBeef ergo sono bitch".
(Ergo sono bitch: mi piace questa commistione di latino, italiano e inglese. Latitanglese).
Cioè, in realtà credo di rimanere un po' bitch, però sono anche un po' defy(ciente).
Insomma: avevo detto chiarissimamentsissimamentissimamente a TheGentleMan che non volevo storie. Perchè mai sono stato così scemo da ritenere LUI così scemo da non credermi? Lui mi ha preso in parola. Non stiamo insieme, non abbiamo storie e perciò può iscriversi a tutti i siti-pollaio che crede.
Del resto, io non sono andato a letto con LittleBeef?
E allora?
E allora niente, cazzo. Solo che mi dispiace un po'.
E perchè mi dispiace? Boh, forse perchè mi va di averlo solo per me. Forse, però. Non lo so. Forse in realtà sto passando anche io quella stupida fase dell'essere innamorato dell'amore: non importa chi, purchè sia innamorato. E, ovviamente, se è innamorato, non deve stare su Gayromeo. Ma è una fase così idiota, questa: no, mi dispiace ma IO quella fase NON la attraverso. Le cazzate non si superano: si bypassano.
E poi essere iscritti non vuol dire mica saltare di letto in letto: insomma, guardiamo me. Non sono iscritto eppure ho fatto la zokky (oddio "zokky" è fantastico! Oggi mi vengono così!).
Ecco. Eccoeccoeccoeccoeccoeccoeccoeccoeccoeccoeccoeccoeccoecco.
Ecco la mia coglionaggine. In tutta la sua immaturità sentimentale.

Perchè alla fine si tratta di sentimenti: un groviglio infuocato che non accenna a raffreddarsi ma che non vuole carbonizzarsi.
Ne ho ancora, da bruciare...

K.I.S.S. (Keep It Simple, Stupids).

sabato 6 marzo 2010

Side effects



Still little protective 'bout the people that I let inside,
Still a little defensive thinkin' folks be tryin' to run my life,
Still little depressed inside, I fake a smile and deal with the side effects...



Serata al Mono, io e Piercing's. Non avevo proprio voglia di restare a casa. Esame enorme messo in cassa: dovevo pur festeggiare.
Ordino un Cuba.
Nella confusione, tra nuovi amichetti che vanno e vengono, mi scolo un po' troppo velocemente il Cuba e mi rendo conto che sono a stomaco vuoto.
Nuova ordinazione, sia per me che per Piercing's: altri due non-mi-ricordo-cosa molto alcolici.
Tra chiacchiere e stronzate, finisco il mio alcol, Piercing's va un attimo in bagno e io mi scolo pure il suo drink.
Ecco: tre drink nel mio stomaco. L'equivalente di "Alice nel Paese delle Meraviglie" che si materializza al posto del mondo.
Le luci basse e rossastre e la musica elettronica del Mono certo non aiutano la mia sobrietà, ormai morta da un paio d'ore: sono proprio una piccola Alice che cerca di uscire dal castello della Regina di Cuori.
E rido come lo Stregatto.
E parlo come il Cappellaio Matto, mentre Piercing's e i suoi amichetti mi guardano come se fossi un Brucaliffo.

Ma perchè sono così cretANA?

Piercing's deve dormire da me. Chiamo OcchiVerdeDollaro per sapere se anche lui deve venire al Mono e ci dà uno strappo al ritorno.

[tu tuuuuuuuuu, tu tuuuuuuuuuuuuu]

OVD: Ehi, ciao!
Io: Ciaaaaaaaaaaaaaao!!! Devi venire al Mono?!?!?!?
OVD: Sì, sarò lì tra mezz'ora!
Io: AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
OVD:
Io: No perchè io e Piercing's volevamo sapere se potevi darci uno strappo al ritorno nella ridente cittadina universitaria...
OVD: Ehm, no, mi dispiace... ma rimango a dormire a Milano da un amico... ma chi è Piercing's?
Io: Ma sì che te lo ricordiiiiii!!!!!! Quello che hai visto anche al Borgo!!! Quello che dici che è un cesso!!!
Piercing's:
OVD: Ah, grazie! Ora certamente verrò a salutarti!!!
Io: AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!
OVD: Ma... sei ubriaco?
Io: ESATTAMENTE!!!
OVD: Ma come "esattamente", BimboSottaceto!
Io: AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!
[click]

Arriva OVD. Non ricordo molto se non il suo sguardo tra il divertito e l'impietosito.
E ricordo un sacco di luci di lampione e di giubbotti scuri. E di ragazzi carini con la barba. E il treno e il mio vomito. E il mio letto e il mio bagno e il mio vomito ancora. E Piercing's che era promiscuamente sopra di me. E io che toccavo promiscuamente Piercing's. E dopo cinque minuti mi sono rimesso a dormire perchè era noioso.
Tanto, per due toccatine...

Ma guarda che ZOCCOLA che sono!
E pure alcolista.


La mattina dopo faccio un giuramento: niente più alcol. Giuramento che è ancora in atto e non è stato rotto. E ci tengo proprio. Cazzo, se ho fatto 'na figura demmmmerda.
Aiuto OVD nel trasloco che sta facendo. Deve montare una roba dell'Ikea, ovviamente litighiamo perchè io dico che si monta in un modo e lui in un altro. E mi dice che sono stato un coglione a dire di fronte a Piercing's che lui ha detto che è un cesso. E mi dice che quella sera ero messo veramente di schifo. E che quel coso si monta così e non cosà. Però alla fine lo montiamo e ci vogliamo più bene di prima.

Sé, vabbè. Tanto non mi si caga.

No scusascusascusa?!?!?!?!?   COSCOSCOSCOSCOS?!?!?!??! Facciamo una riflessione alla riflessione:
ho scritto "Tanto non mi si caga"?!?!?! No, cioè... l'ho scritto?!?!?!?!?!??! Questo vuol dire per caso che mi interessa ancora che mi caghi?!?!?!?! Oddio no, eh. Oddio NO EH. Non può essere vero. Ero convinto che non mi interessasse più. Di aver capito che non fa per me, non è l'uomo che ci vuole, è troppo egocentrico blablablabla e cazzi & mazzi.
E invece, mi tocca fare i conti con questo mio piccolo rigurgito d'inconscio. Un vomito d'anima. Un ruttino di verità scappato al mio controllo, dal mio dentro alle dita che battevano sulla tastiera.
Bene. Le cose sono due.
La prima possibilità è che tutto ciò non sia patologico: è soltanto un rimasuglio di germi ormai privato della sua virulenza ma che, ogni tanto, dà segni di sé, per qualche strano motivo, anche se sa che ormai è fottuto e che è solo questione di tempo, la sua dipartita da questo corpo mio.
La seconda possibilità è che non mi è passata: tutto questo è un effetto collaterale della mia terapia anti-OVD. Cioè, io continuo a saltare di palo in frasca (leggasi: di letto in letto (volevo essere volgare e scrivere "di cazzo in cazzo" ma poi ho pensato che il MOIGE avrebbe protestato (ma adesso, oltre a fare la riflessione alla riflessione, mi metto pure ad aprire parentesi dentro parentesi? Cazzo, questa è già la seconda intra-parentesi che apro! E ho pure detto "Cazzo": ora il MOIGE sì che si incazza))) per non rendermi troppo conto che non lontano da me c'è OVD, che sono stato male per lui e che sono una povera coglionotta putto-romantica ma, considerato che la malattia è troppo forte e sconosciuta, la mia terapia può solo tapparne i sintomi, senza combatterne la causa... quindi alle volte, come effetto collaterale, c'è un geyser di malattia che esplode ma non è un semplice rimasuglio: è proprio una ricaduta.
E son ricaduto. Che ci devo fare? Non voglio dire che ci riprovo. Voglio dire solo che aspetto che passi. Come prima. Fino a non ricadere più.

Serata alle terme, con TheGentleMan e qualche suo amico. Bella serata. Bella nottata. Bel sesso. Bel tutto.

Ok, mi è passata.

LittleBeef viene a trovarmi. Tempo cinque minuti e lui tenta di stracciarmi i vestiti in cucina. Tempo sei minuti e me li ha stracciati in camera da letto.
E' proprio un porco. Alla seconda volta, però, non ce la faccio e lo faccio smettere subito (spiaceeeeeeeeeente ma mi fai male).
E' la terza volta che lo vedo, la terza volta che ci scopo e la terza volta che devo rispondere alla sua domanda "Cosa ne pensi del mio fisico?". Cioè, scusate eh: ma questo non sta bene. A parte che fa un filino troppo l'autoritario, per i miei gusti ("Perchè non hai risposto al mio messaggio? Mi devi rispondere" OOOOOOOOOOOOOOOOH!!!! "MI DEVI" A ME?!?!?!??!?! Ma non esiste proprio!!! Se non ho risposto avrò avuto una buona ragione! Tu sarai pure l'uomo ma devi SOCCOMBERE al cospetto della mia frocerrima potenza!!!) ma poi... cazzo... hai un bel fisico. Non lo vedi? Beh, ce l'hai. Stop. Non rompere las balotas ogni 3 x 2.
Narciso, cazzarola?!?!? No, niente niente. Macchè. Figurati. Poco poco.
E poi... devo proprio dirlo: a letto, TheGentleMan a letto è millemila volte meglio. TheGentleMan lo fa con tutto il mio corpo, LittleBeef lo fa con i miei ingressi.
Insomma, mi sa che LittleBeef è un po' passato di moda eh? Quindi... BYE BYE.

Ok, sembra che mi sia proprio passata.
Stupidi effetti collaterali.

Eppure qualcosa mi manca.

K.I.S.S. (Keep It Simple, Stupids)